mercoledì 9 ottobre 2013

IL FORMAGGIO SCIMUDIN .... I COLORI DELL'AUTUNNO e ....


Per la nostra rubrica "Luoghi e Sapori d' Italia" siamo tornati nella Valle di Livigno, giusto in tempo prima che arrivasse la neve.
Il tutto per goderci i colori dell'autunno, raccontarvi di un altro buonissimo formaggio prodotto dalla Latteria di Livigno, questa volta un semigrasso, e scoprire qualche curiosità sullo spettacolare lago che caratterizza il paesaggio livignasco, scoprendo come è nata la grande diga tra la fine degli anni 50' e l'inizio degli anni 60'...

Lo Scimudin è un Formaggio tipico valtellinese ottenuto dalla lavorazione di latte pastorizzato proveniente da allevamenti della Valle di Livigno, situati oltre i 1.800 metri di quota. Questo formaggio risulta particolarmente gradevole al palato grazie alle sue inconfondibili note aromatiche.
La pasta risulta morbida ed elastica, il gusto leggermente burroso, il colore dal bianco al giallo paglierino a seconda della stagione di produzione.
Ottimo in cucina, gradevole e piacevolmente gustoso a fine pasto.


In passato lo Scimudin si faceva solo d’inverno, con questo nome si intendeva il formaggio piccolo e basso a pasta molle. Il suo nome deriva dal termine livignasco scimuda. 
La scimuda in dialetto indica il formaggio fresco uscente dalla rottura della cagliata fino alla salatura e all’inizio della stagionatura. Si suppone che alla base del nome (scimuda) stia una derivazione da scemo o sciocco privo di gusto, diminuito, dimezzato, nel senso di scremato, semigrasso e non dal gusto forte come il Formaggio di Grotta ...

Per quello che riguarda i colori dell'autunno lungo il Lago di Livigno e per tutta la valle, lasciamo parlare le fotografie. Vogliamo invece soffermarci sulla storia di questo lago, anche perchè ogni volta che lo si vede, si rimane sempre incantati, dalla natura, dal paesaggio e dai colori ...




Fonti certe raccontano che al posto del lago un tempo vi era una ridente contrada, popolata da decine di famiglie. Officine per la lavorazione dei metalli fiorirono fino al 1509, anno in cui si interruppe l'estrazione di minerali di ferro sul versante livignese dell'Alpisella.
Negli anni 30, quando le società private produttrici di energia elettrica cominciarono a pensare agli invasi per sfruttare l'energia dell' acqua, ecco che l'AEM, oggi A2A, cominciò a pensare a un lago artificiale. Sempre in quel periodo cominciarono i lavori di Digapoli in cui lavorarono molti abitanti di Tre Palle la frazione di Livigno . Il 29 maggio del 1957 la svolta, il governo italiano e quello Svizzero sottoscrissero a Berna una convenzione che autorizzava lo sfruttamento ai fini idroelettrici delle acque dello Spol, il fiume che attraversa la Valle di Livigno. Nel 1962 il ministero dei lavori pubblici concede all'Egandiner Krafwerke, società per azioni con sede a Basilea ma di capitale prevalentemente italiano, la realizzazione di un bacino artificiale della portata di 160 milioni di metri cubi in grado di produrre 240 milioni di kWh.
La diga situata al ponte del Gallo ha un altezza massima di 130 metri, una lunghezza di 540 metri e una larghezza di coronamento di 10 metri.
LA DIGA VISTA DALL'ALTO
Lo spettacolare lago creato dalla diga ha una superficie di circa 4,5 chilometri quadrati.
I lavori iniziarono nel 1962 con la perforazione della galleria della Drossa, necessaria per permettere il collegamento tra Zernez e il cantiere in allestimento. Il bacino fu ufficialmente inaugurato il 26 agosto 1971.


Gli amministratori di Livigno ottennero in contropartita per la perdita del territorio e di una intera contrada,  200 milioni dell'epoca pari a tre annualità di bilancio del comune.
Inoltre, riuscirono ad avere il finanziamento e la realizzazione della nuova strada di collegamento tra il Gallo e Livigno, con il permesso sia per i residenti che per i turisti di Livigno, di transitare liberamente nella galleria della Drossa o Munt la Schera durante l'inverno.

Oggi il tunnel è a pagamento, il traffico è aumentato a dismisura rispetto a un tempo e viene regolato a senso unico alternato.


Un trattato tra Svizzera e Italia disciplina le questioni risultanti dall'accumulo di acqua delle valli di Livigno e del Gallo. Come contropartita l'Italia ha ottenuto di deviare nel lago artificiale di S. Giacomo di Fraele a Cancano, 90 milioni di metri cubi di acqua all'anno provenienti dal bacino di raccolta dello Spol .

8 commenti:

manu 21 novembre 2012 09:29  

E' buonissmo questo formaggio, con i pizzoccheri è la morte sua...
Tui abbraccio

Patrizia 21 novembre 2012 09:40  

Adoro la Valtellina con i suoi paesaggi spettacolari e il suo cibo caratteristico!! Questo formaggio deve essere buonissimo...da provare! Un bacio miei cari!

Dolci a gogo 21 novembre 2012 11:41  

Che meraviglia deve essere questo formaggio e poi adoro i sapori della valtellina sono unici!!Baci,Imma

Maura,  21 novembre 2012 19:36  

Che formaggio..deve essere qualcosa di speciale!!Bravo Marco.

ANNA 22 novembre 2012 17:04  

Chissà che buono sto formaggio !

Anonimo,  12 dicembre 2012 08:33  

thanks for sharing.

Anonimo,  24 luglio 2013 15:40  

Buonissimo questo formaggio!!!!

Anonimo,  24 luglio 2013 15:41  

Buonissimo questo formaggio da una trepallina!!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
LA RICETTA PIU' CONSULTATA

CROSTATA DI VERDURA

Cerchi qualcosa nel blog ? Digita una parola chiave nella casella qui sotto e clicca cerca

Caricamento in corso...

CROCIERE IN OFFERTA E LAST MINUTE

Il nostro sito è segnalato da ...

Top blogs di ricette
LA RICETTA DEL MESE

CANNOLI & PANNA MONTATA

VISITE ODIERNE

SITI AMICI

IL VIAGGIO DEL MESE

VIAGGIARE IN IRLANDA

VIAGGIA CON NOI ... SEGUI I NOSTRI VIAGGI ...

AMSTERDAM

UN WEEK END A BRUGES

INNSBRUCK

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP