mercoledì 10 febbraio 2016

COCKTAIL - UN MONDO DA SCOPRIRE


Eccoci con il primo post dedicato ai “Cocktail”.
L’arte di bere con sapienza, raccontata da Giovanni Giaccone, un nostro amico che sull’argomento ha scritto persino un libro.
Sarà un viaggio interessante, tra storia, curiosità e abbinamenti gastronomici.


 La moda e l’usanza di mescolare bevande alcoliche o di aggiungere limone e zucchero a whisky, rum, gin e vodka è probabilmente qualcosa che nasce con la sempre migliore capacità di distillarli e produrli. Dal 1600 in poi il rum diventa un riferimento economico stabile sul mercato mondiale così come si cominciano a diffondere in Europa i diversi distillati che nel giro di due secoli avranno un loro ruolo nei cambiamenti sociali prodotti dalla prima rivoluzione industriale. Insieme a loro, la diffusione degli infusi di erbe con una valenza strettamente medicinale porta nel tempo a connubi impensabili che si affermeranno clamorosamente nei secoli successivi.

Il “cocktail”, termine che deriverebbe dalla  coda del gallo per indicare i diversi colori del liquido nel bicchiere o anche dalla parola “cocqteille” dalla forma di un bicchiere ovale in cui veniva servito l’assenzio, si afferma tra la fine dell’800 e gli inizi del ‘900 come espressione della modernità che all’epoca, con le diverse scoperte scientifiche e tecnologiche, si respirava a pieni polmoni.

E’ un modo nuovo di bere, raffinato, che rompe con il passato e s’impone con nuovi gusti, sofisticati e complessi. Per quanto tutti amiamo immaginare eleganti bartender davanti a facoltosi e ricchi gentlemen inventare nuove formule (e in qualche caso è andata proprio così), bisogna comunque sottolineare che i cocktail si devono a prodotti sempre più precisi e definiti nella loro preparazione e in questo caso, i vermut e i bitter che dei cocktail sono la base essenziale, già dalla fine del ‘700 diventano per la loro qualità dei tipici prodotti italiani.

Nello stesso tempo in tutto il mondo avviene questa rivoluzione e cominciano a fioccare dalle più importanti città americane e no, aneddoti e racconti sulla nascita di cocktail che diventeranno leggende. Il “Cocktail Martini” tra S. Francisco e il Messico, lo “Sazerac” a New Orleans, il “Manhattan” a New York, il “Daiquiri” e il “Moijto” a Cuba, da una parte all’altra del globo rimbalzano strane formule ed eccentrici alchimisti, ricercati e venerati come dei maghi, i grandi bartender che pian piano a catalogano queste ricette.
Anche in Italia irrompe la moda e nasce il primo Cocktail tutto italiano: si chiama “Milano – Torino” e unisce i due liquori che si sono affermati negli anni come il drink preferito dell’aristocrazia, ovvero il Carpano (torinese) e il Campari (milanese). Non c’è niente come nelle storie dei cocktail che si contamini e crei leggende parallele e a volte contraddittorie. Tutto deriva dal fatto che le classificazioni precise di oggi ai tempi non esistevano e quindi, allora si era meno precisi nell’indicare il nome dei cocktail anche perché erano, ovviamente, meno diffusi di oggi. 
Si dice che si usasse indicarli genericamente come “Americano” proprio perché si miscelavano più liquori oppure l’uso abbondante di ghiaccio.

Tra il 1917 e il 1920 nasce il “Negroni”. Intorno a questo cocktail si può dire che ruoti un vero e proprio romanzo e non è detto che un giorno a qualcuno venga in mente di farci un film. Battezzato con il nome del suo creatore, il conte Camillo Negroni, fiorentino e cosmopolita, si tratta di uno dei drink più bevuti al mondo e riconosciuto come forse il migliore a livello assoluto per l’equilibrio dei sapori e la raffinatezza della miscela. Solo nel dopoguerra si imporrà un altro cocktail, in questo caso in California, con una storia tanto affascinante e nello stesso tempo con un mix di sapori unico. Il “Moscow mule”.

Con la sempre maggiore disponibilità di prodotti sul mercato i cocktail si raffinano e si moltiplicano: quando al cinema Sean Connery, nei panni di James Bond, ordina un “Vodka Martini” sancisce il sorpasso della vodka sul gin come distillato più consumato negli USA.

Nei prossimi post cominceremo a scoprire storia a abbinamento dei “Cocktail”.

Giovanni Giaccone







SPECIALE RICETTE

PASTA FRESCA

DOLCI & TORTE

FOCACCE & LIEVITATI

VIAGGI E ASSAGGI

PERCORSI GOLOSI

ALLA SCOPERTA DEI COCKTAIL

ALLA SCOPERTA DEL VINO

SCOPRIRE L' ITALIA

SCOPRIRE L' ITALIA
VIAGGI E ASSAGGI
I NOSTRI VIAGGI

DUBLINO

LOCH NESS - SCOZIA

SCHONBRUNN - VIENNA

AMSTERDAM

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP