lunedì 31 luglio 2017

PRAGA, tra storia e food



Oggi vi consigliamo Praga: potrebbe sembrare una scelta ardita girare una capitale in pochi giorni ma Praga è città da vivere non da visitare.
Praga sa sempre sorprendere. Grazie al suo labirintico centro storico la capitale della Repubblica Ceca regala ad ogni visita nuovi e inediti scorci; perché anche quando pensi di conoscere ogni centimetro dei suoi vicoli ciottolati ecco una chiesetta gotica, un pittoresco cortile, un angolo che non avevi mai esplorato. Tutto è suggestivo a Praga, anche al di fuori della Città Vecchia, con gli stili architettonici che si susseguono incessantemente armonizzandosi l’uno l’altro per ricreare una fantastica visione.

Ed è proprio al di là del fiume Moldava che inizia il nostro tour. Nové Město, la Città Nuova, quartiere fondato nel 1348 ma che di quegli anni non ha memoria perché completamente demolito alla fine del XIX e ricostruito in stile Art Nouveau. Ironico notare come quasi un secolo dopo alla presentazione del progetto della Casa Danzante - rilettura sincretica di vari correnti artistiche ottocentesche (già di per loro revival eclettici) come il Neobarocco o il Neogotico - ci siano state polemiche per preservare una supposta originalità architettonica di Nové Město. Fortunatamente il presidente ceco dell'epoca, Václav Havel, sostenne il progetto e così oggi noi possiamo ammirare una vera opera d'arte contemporanea di indiscutibile valore. L'edificio ospita al settimo piano un ristorante, da cui si gode una magnifica vista della città, mentre per il resto sono uffici; tuttavia vale la pena anche solo una visita veloce del sito per ammirare dall’esterno la Casa.
Una certa sensibilità del popolo ceco per i temi della tradizione e del passato è giustificata. Quarant'anni di socialismo e d'influenza culturale forzata da parte dell'Unione Sovietica, lasciano il segno. Soprattutto per una città che si è sempre sentita profondamente mitteleuropea. Questo sentimento si è tradotto, una volta caduta la cortina di ferro, da una parte in una riscoperta delle tradizioni boeme e dall'altra in una grande curiosità verso tutte le culture del mondo, bandite durante gli anni del Patto di Varsavia. Questo aspetto si può notare in cucina dove accanto alla riscrittura dei menù praghesi con la riproposizione dei piatti di un tempo - talvolta riattualizzati - c’è stato un fiorire di ottimi ristoranti di gastronomia internazionale. 

E così se sarete stanchi di mangiare maiale, dumpling e anatra alla piastra - ingredienti principali della cucina boema – ci sarà comunque per voi la possibilità di soddisfare il vostro palato, e se soprattutto sentite nostalgia di casa ci sentiamo di consigliarvi un particolarissimo shop-ristorante nel quartiere di Smichov: Wine Food Market che si rifornisce direttamente in Italia. Aperto da qualche anno è un negozio che presenta specialità del nostro paese al quale sono collegati un ristorante, una caffetteria, una panetteria e una pasticceria: ma ciò che rende speciale questo “mercato” è la funzione culturale che si è proposto, di promozione della enogastronomia italiana attraverso un’accurata selezione di prodotti (uno dei fornitori è Rossi 1947  un’istituzione quando si parla di pesto genovese e altre prelibatezze liguri e italiane) degustazioni guidate, corsi di formazione ed imperdibili cene gourmet di chef stellati.

Tappa obbligatoria a Praga è il Ponte Carlo, anche solo per poter raggiungere la riva sinistra della Moldava, laddove sorge la Città Vecchia. Tuttavia se non siete amanti dei luoghi affollati potrebbe non essere proprio il luogo adatto per voi… Il Ponte Carlo è uno dei  punti turistici della città più frequentati, con artisti di strada e musicisti: se deciderete di rinunciare a una passeggiata sul ponte scoraggiati dalla folla di turisti, il nostro consiglio è di scendere sulla banchina di una delle due rive dove potrete comunque godere la bellezza del ponte medievale e delle sue statue settecentesche.

Raggiunta in qualche modo la riva sinistra della Moldava, c’è ad attendervi il celebre Castello, che domina la città dalla collina. Il Castello di Praga è uno dei più imponenti al mondo con i suoi circa 70000 m² di superficie. All’interno delle sue mura si trovano palazzi storici, giardini, musei e pinacoteche. Per la visita dell’area si consiglia di calcolare bene prima il percorso; uno breve vi permetterà di vedere il Vecchio Palazzo Reale, la Basilica di San Giorgio, il Vicolo d'oro e la Torre di Dalibor, la vigna di San Venceslao, la Torre delle Polveri: già solo così sarà necessaria qualche ora, se non addirittura mezza giornata se si vuole apprezzare con calma la grandiosa monumentalità del luogo. Sarebbe un peccato usciti dal Castello dover già rientrare senza avere ancora il tempo per perdervi nell’affascinate Città Vecchia. 

0 commenti:

SPECIALE RICETTE

PASTA FRESCA

DOLCI & TORTE

FOCACCE & LIEVITATI

VIAGGI E ASSAGGI

PERCORSI GOLOSI

ALLA SCOPERTA DEI COCKTAIL

ALLA SCOPERTA DEL VINO

SCOPRIRE L' ITALIA

SCOPRIRE L' ITALIA
VIAGGI E ASSAGGI
I NOSTRI VIAGGI

DUBLINO

LOCH NESS - SCOZIA

SCHONBRUNN - VIENNA

AMSTERDAM

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP