TRIPPA IN UMIDO CON PATATE


Cominciamo la settimana con un piatto che la tradizione della nostra città si porta dietro da secoli, visto che la tripperia più vecchia di Genova, situata nel centro storico, sembra avere più di 200 anni …
Il nostro ricordo delle tripperie è quello di bambini, che vedevano gli adulti entrare in questi locali in cui i banconi con la base di legno e la superficie in marmo sembravano giganteschi.
Gli anziani spesso consumavano le trippe direttamente in una scodella, preparate nel loro brodo e accompagnate da un buon bicchiere di vino, quasi fosse un rituale…
Oggi di tripperie in città ne rimangono poche, ma in alcune di queste il rituale continua.

LA RICETTA:

                                   Trippa in umido con patate

Ingredienti:
600 gr. di trippa mista già tagliata
4 patate di media grandezza
1 cipolla piccola
1 carota piccola
1 spicchio di aglio
3 cucchiai di concentrato di pomodoro
prezzemolo
olio d’oliva
sale

Preparazione:
Tritiamo nel mixer la cipolla, una carota, aglio e prezzemolo, mettiamo il trito in una casseruola con dell’olio d’oliva, soffriggiamo appena e uniamo le trippe rosolandole qualche minuto.
Aggiungiamo il concentrato di pomodoro diluito con un po’ d’acqua, saliamo e infine mettiamo le patate a tocchetti e se piace, un po’di peperoncino. Copriamo con dell’acqua tiepida, quel tanto che basta perché possano cuocere circa 1 ora e le patate siano morbide.
Serviamo calde in singoli piatti con fette di pane casereccio appena tostato.



Un consiglio: se vi piacciono, potete aggiungere verso fine cottura, 250 gr di fagiolane già cotte.

Commenti

Federica ha detto…
Non sono una grande amante della trippa, ma un assaggino alla vostra versione patatosa lo darei. Un bacio, buona settimana
Rossella ha detto…
Un caro saluto e buona settimana ! La trippa è una delle poche cose che non mangio.... Alla prossima !
Chiara ha detto…
se me la trovo nel piatto la mangio davvero volentieri, la vostra ha un aspetto molto appetitoso.....a farla però.....beh .....Buona settimana viaggiatori...
lucy ha detto…
non ne sono una gran amante ma è di sicuro un bel piatto invernale!
Eleonora ha detto…
io invece sono una super amante di trippa, sempre alla ricerca di nuovi modi di farla. grazie, prendo nota. buon inizio di settimana cari golosi!
Olio e Aceto Blog ha detto…
Passo per augurarvi buona giornata, sul piatto non mi esprimo, non ho il coraggio di mangiarlo.
Unknown ha detto…
Wow,che bel ricordo!!!E nooooooo....non sono pronta a ripartire dalle vacanzeeee!!!!Qualcuno mi aiuti!!!!^^
Flavia
Silvia ha detto…
Anche qui a Chiavari c'è una tripperia antica!!! Io però non ci ho mai messo piede, la trippa non mi ispira..se permettete però ne prendo un piatto della vostra da portare al mio papà che la adora!!! Buona giornata!!!
Lory B. ha detto…
Quanto mi piace la trippa!!!!!
La vostra è strepitosa!!!!!
Un abbraccio!!!!!!!!!!!!
Vanessa ha detto…
Come mi piace questo piattino!!!! ^_^
Italiansalaatti ha detto…
In generale non sono una grande amante della trippa, ma il vostro piatto sembra davvero buono!! Infatti, mi piacerebbe molto assaggiarlo - sono proprio curiosa. Un forchettata me la date? :D
Ely ha detto…
meno male altrimenti già mi allargavo a vedere le ultime ricette delle feste, ecco la trippa così non l'ho mai fatta :-))) deve essere proprio buona! ciao Elena
Maura ha detto…
E'tantissimo che nn mangio piu'la trippa in umido..un piatto di una volta tornato alla ribalta..come la prepari tu sorellina sono sicura che sara'un successone.BACIO!!

Post più popolari